LODI
Chiesa di San Lorenzo

E' in stile romanico lombardo, poi rimaneggiata tra la fine del XIV e i primi del XV secolo. La chiesa di San Lorenzo, prepositura fin dal 1159, quindi contemporanea alla fondazione della città, è una delle chiese più antiche di Lodi.
La facciata in cotto, tipicamente romanica, è tripartita da due semicolonne che si interrompono a metà della superficie e si conclude con un rosone centrale al di sopra del quale è posta l'edicola con la statua del santo; il portale è profilato dalla serie di arcate scorciate verso il fondo. L'interno è a tre navate con colonne in cotto e copertura a crociera senza costoloni.Vi si trovano numerose opere d'arte. Nell'abside è visibile l'affresco con la Resurrezione di Cristo di Callisto Piazza del 1538. Nella navata laterale destra c'è un affresco degli anni Quaranta del Cinquecento, raffigurante la Madonna con Bambino fra Santa Caterina e Santa Lucia, opera di Francesco Carminati detto Soncino. Su un pilastro della chiesa si trova un ex-voto della famiglia Bodoni Rubini con Sant'Anna, la Vergine e il Bambino, sempre del Soncino. Degna di nota anche la pala d’altare nella Cappella Vistarini di Bernardino Campi raffigurante la Pietà.
In seguito lo sviluppo architettonico della chiesa venne influenzato dallo spirito della Controriforma e dall'opera di San Carlo Borromeo: nel 1560 vi furono interventi strutturali sulla muratura, secondo i dettami del Concilio di Trento, l’altare che si trovava in fondo all’abside venne collocato al centro del presbiterio. Questa nuova sistemazione dava la possibilità ai canonici di avere uno spazio riservato a loro nel semicerchio dell’abside. Per questo motivo, nel 1578 fu commissionato un coro ligneo.

 
Muse